+39 06 86094781 direzione@villamafalda.com
diagnosi proctologica

MANOMETRIa ANO-RETTAlE

dottoreLa manometria ano-rettale è un’indagine che viene eseguita per raccogliere informazioni sulla fisiopatologia dell’ultimo tratto dell’intestino e della muscolatura del pavimento pelvico, in relazione alla continenza ed all’evacuazione del contenuto intestinale.

Attraverso questo esame è possibile valutare sia la pressione che il funzionamento dello sfintere anale, ma anche la sensibilità dell’ampolla rettale. È un’indagine fondamentale sia nelle sindromi ritentive, cui spesso si associa un aumento delle pressioni con un corrispondente aumento dei volumi e della capacità rettale, sia nell’incontinenza anale in associazione alle indagini morfologiche. La rilevazione delle pressioni permette di avere un indice della forza sviluppata dalla muscolatura del pavimento pelvico e del complesso sfinteriale ed elevatore dell’ano.

La manometria è utile anche nella valutazione preparatoria di patologie caratterizzate da ipertono sfinteriale (come le ragadi e le emorroidi), nelle fistole anali prima di eseguire una fistulectomia con possibile danno sfinterico e, infine, prima degli interventi di resezione del retto (soprattutto resezioni basse).
Questo esame contribuisce significativamente al riconoscimento di un ruolo patogenetico rilevante per deficit e/o incoordinazioni muscolari, per alterazioni muscolari o della sensibilità rettale in presenza di disturbi come diarrea, incontinenza e stipsi. In molte condizioni l’approccio manometrico fornisce la principale indicazione ai programmi di riabilitazione per il recupero funzionale anorettale e del pavimento pelvico mediante l’esecuzione di un biofeedback training.

La manometria  contribuisce, inoltre, all’inquadramento diagnostico di lesioni neurologiche, nel caso siano presenti ipo/ipertonie anali secondarie a disfunzioni di entrambi gli sfinteri, assenza del riflesso inibitore, anomalie dello “squeeze” ed altri pattern patologici in corso di lesioni encefaliche, del tronco, del midollo e della cauda equina.

Prof. paolo barillari

Specialista in Chirurgia Generale